Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

martedì 13 gennaio 2015

Agricoltura biologica: scienza o superstizione?


di Antonio Saltini

parte
Agnosticismo scientifico, passione tecnologica
Se nel crepuscolo degli anni Settanta una rassegna delle scuole e sette in cui si rifrangeva il movimento per un’agricoltura alternativa rivelava l’intensità dello sforzo per definirne l’edificio secondo principi capaci di confrontarsi con i cardini teorici dell’agricoltura tradizionale, vent’anni più tardi, alla constatazione dell’immensa dilatazione degli spazi coltivati dagli agricoltori “biologici” si accompagna, paradossalmente, quella dell’abbandono, da parte di quanti praticano la nuova agricoltura, di qualsiasi proposito teorico.
Se l’agricoltura alternativa pare avere iniziato, cioè, la marcia trionfale alla conquista delle campagne, quanti la praticano hanno abbandonato, contemporaneamente, ogni impegno per fondare le proprie pratiche su presupposti conoscitivi di dignità scientifica. La circostanza può apparire paradossale: essa rivela, peraltro, al critico che esamini le condizioni in cui si è realizzata, ragioni palesi. I trenta anni trascorsi hanno convertito l’opzione di pratiche agrarie alternative da impegno etico di pionieri dalle vigorose motivazioni ideali, paladini della ricomposizione degli equilibri tra l’uomo e le risorse, che le ragioni ideali anteponevano ad ogni calcolo economico, in attività produttiva dai solidi risultati economici. Ad assicurare quei risultati sono stati due eventi dagli esiti convergenti: il varo, da parte dell’Unione Europea, di un programma di significativi incentivi a favore dell’agricoltura “biologica”, il diffondersi tra i consumatori di istanze salutistiche sempre più affannose. Da un lato, cioè, le erogazioni dell’Unione Europea hanno convertito l’agricoltura alternativa in uno dei terreni più fertili di contributi della sussidiata agricoltura europea, dall’altro consumatori sempre più sazi, adusi a devolvere agli acquisti alimentari una percentuale del proprio reddito insignificante di fronte alle quote del reddito destinate al cibo da tutte le società della storia, sempre più ansiosi dei possibili effetti nocivi di alimenti “contaminati”, sono stati sospinti a premiare con liberalità, pagandoli prezzi maggiori, alimenti che si proclamano in possesso di requisiti salutistici più certi delle derrate ottenute con le pratiche consuete. Trasformata da impegno etico di tutela degli equilibri tra l’uomo e le risorse agrarie in ordinaria attività produttiva, condotta da una pluralità di operatori per ricavarne, come tutti gli imprenditori, contributi pubblici e i più elevati guadagni possibili, senza rinnegare i principi cardinali, in primo luogo il bando della chimica, l’agricoltura alternativa ha rigettato le istanze teoriche, ha rinunciato ad elaborare una dottrina da contrapporre alle teorie agronomiche classiche, si è immersa nei problemi della tecnica produttiva.
I quali sono tutt’altro che semplici. Avvicinare le produzioni dell’agricoltura alternativa, realizzate senza antiparassitari, anticrittogamici e diserbanti, alle rese produttive dell’agricoltura ortodossa non è impegno agevole: è solo grazie ad estrema perizia che il divario può essere ridotto. Se ridurlo risultasse tecnicamente troppo arduo, la tentazione degli adepti conquistati alla nuova pratica dai sussidi pubblici ad impiegare, surrettiziamente, gli strumenti della chimica, diverrebbe irresistibile. E, si deve sottolineare, il sotterfugio sarebbe di identificazione impossibile: i fertilizzanti, e molte delle molecole antiparassitarie più moderne, non lasciano traccia, ed è arduo supporre che gli organismi di certificazione, che suggellano la produzione “biologica” con uno-due sopralluoghi annuali, traendo il proprio utile dal numero delle aziende cui rilasciano i propri attestati, sarebbero interessati a scoprire le frodi. Per scongiurare il pericolo che l’intero ordito dell’agricoltura alternativa, ormai florido sistema economico, sia pervaso dalla tara della frode, i suoi alfieri debbono assicurare agli adepti la disponibilità di pratiche sicure, che applicate con meticolosità producano risultati non troppo remoti da quelli dell’agricoltura ortodossa, dai quali deve separarli un divario che possa essere compensato dalle sovvenzioni e dal più elevato prezzo di vendita dei prodotti. Ma risolvere, senza l’impiego di fertilizzanti, insetticidi, anticrittogamici e diserbanti, tutti i problemi tecnici nelle sfere diverse della produzione agricola non è obiettivo agevole: alla soluzione dei cento quesiti in cui l’imperativo si rifrange nella molteplicità delle colture e degli allevamenti la seconda generazione degli alfieri dell’agricoltura alternativa ha dedicato tutte le proprie energie.
Agnosticismo scientifico, quindi, fervente fede nella tecnologia: esprime con chiarezza emblematica l’atteggiamento dei nuovi paladini dell’agricoltura alternativa il testo, vergato per il ventennale di un sodalizio “biologico”, in cui uno dei più attivi, nell’arco tra gli anni Ottanta e Novanta, Enos Costantini, agronomo udinese, riferisce, con apprezzabile lucidità, il proprio percorso di fautore dell’agricoltura liberata dalle molecole di sintesi, di promotore di convegni, seminari ed esperienze in campo apprestate per favorire, assicurando la soluzione dei problemi tecnici più ardui, la moltiplicazione degli adepti della nuova agricoltura.
In un testo vergato con amabile facondia, non può sfuggire a chi dietro la piacevolezza voglia misurare le ragioni ispiratrici, l’insistente riproporsi di espressioni di diffidenza verso la scienza. Ai grandi interrogativi sulla conservazione degli equilibri naturali, sull’innocuità delle pratiche agricole, sulla salubrità degli alimenti, secondo Costantini la scienza sarebbe del tutto incapace di dare risposte certe. Dichiarando di avere setacciato biblioteche intere alla ricerca, sulle pubblicazioni specialistiche, della dimostrazione “scientifica” della nocività delle molecole di sintesi impiegate in agricoltura, in quelle biblioteche Costantini proclama di avere trovato le prove della nocività dei composti chimici, non riconoscerebbe mai di avere scoperto la dimostrazione “scientifica” che una sola di quelle molecole sia innocua. Quando si pronunci sugli effetti ambientali dei prodotti della chimica ogni scienziato professerebbe, secondo Costantini, una personale, opinabile “scienza”: essendo tra loro dissonanti, le “scienze” diverse proposte dalla comunità accademica sarebbero tutte ugualmente inattendibili. E’ la prova della più incondizionata adesione, da parte di un agronomo italiano, alla lezione di Aubert, che nell’agronomo udinese può vantare il più fedele dei discepoli.
Ad avallare gli appunti sull’inutilità della scienza Costantini menziona la propria esperienza universitaria, che giudica inutile siccome nulla avrebbe aggiunto alle solide conoscenze tecniche acquisite all’istituto professionale, il centro di irradiazione di un sapere agronomico capace di risolvere i problemi “in campo”, un sapere pratico e utile di fronte alle inutili, vuote, elucubrazioni accademiche. Agnostico verso la scienza, Costantini esprime un atteggiamento di incondizionata considerazione per la tecnologia agronomica, manifesta la più calorosa considerazione per i promotori delle esperienze, e per gli scambi di conoscenze, che hanno consentito ai coltivatori “biologici” di conservare la fertilità della terra senza somministrare al suolo fertilizzanti industriali, di eliminare le malerbe senza impiegare i diserbanti, di combattere le crittogame senza impiegare altri mezzi che le molecole “naturali” dello zolfo e del rame, di contenere gli insetti parassiti senza gli insetticidi di sintesi.
Un atteggiamento singolare? Su una verità si deve convenire col dottor Costantini. Iscrivendosi all’università ha commesso un errore imperdonabile: se in quattro anni i docenti di ventuno materie non sono riusciti a dimostrargli che senza la scienza la tecnologia moderna è corpo incapace di sopravvivenza, o ha scelto la peggiore delle facoltà italiane o gli bastava davvero la lettura del manuale dell’ortolano e del prontuario del capostalla che gli aveva assicurato l’istituto tecnico.
Pragmatismo filosofico, ambizione scientifica
Conclusa la rassegna degli alfieri della nuova agricoltura protesi a fondare la metodologia che propugnano su originali fondamenta filosofiche, una pretesa i cui coloriti risultati hanno suggerito, sensatamente, il ripudio di ogni ambizione teorica e l’adesione al più pratico credo tecnicistico, una considerazione particolare ed una riflessione conclusiva sono dovute ad un testo redatto secondo un’ispirazione radicalmente diversa, il proposito di comporre l’inventario più completo delle esperienze di agricoltura eterodossa per di verificare il contributo che ciascuna può prestare a definire il quadro dell’agricoltura del futuro, di cui lo stesso testo mira a delineare i caratteri generali, raccogliendo le cento esperienze che considera entro una cornice scientifica unitaria.
E’ il volume Alternative agriculture del National Research Council degli Stati Uniti, un consesso scientifico di prestigio internazionale che ha affidato l’indagine delle metodologie agronomiche estranee ai canoni ordinari ad un comitato di agronomi, genetisti, biologi ed economisti, che nel 1989 hanno enucleato, nell’ampio volume, l’inventario delle esperienze innovative identificate su tutto il territorio dell’Unione. Hanno definito quelle esperienze esempi di “agricoltura alternativa”, un termine scelto rifiutando, significativamente, quelli più ambiziosi di “agricoltura biologica”, “biodinamica”, di “agroecologia”, una scelta in cui è trasparente il rigetto di opzioni filosofiche che trascendano il terreno agronomico. Escluse, peraltro, pretese filosofiche, il lavoro del comitato del National Research Council rivela intenti di sintesi dalle palesi ambizioni scientifiche: al pragmatismo filosofico si compone la lucidità dei propositi conoscitivi.
Negli ultimi tre quarti di secolo l’agricoltura americana ha conseguito, riconoscono i membri del comitato, traguardi straordinari di produttività, ma quei traguardi non sono stati realizzati senza costi, che debbono identificarsi nell’inquinamento delle falde freatiche provocato da fertilizzanti e antiparassitari, nei rischi alla salute di chi esegue i trattamenti antiparassitari e di chi consumi prodotti trattati impropriamente, nel ricorso sistematico e pervasivo ai farmaci negli allevamenti, un ricorso che può condurre alla creazione di ceppi batterici resistenti, potenzialmente nocivi non solo agli animali ma anche all’uomo Di fronte alle conseguenze nocive delle pratiche moderne vi sono agricoltori che hanno reagito cercando di evitare, o di limitare, l’impiego di fertilizzanti e antiparassitari nei propri campi e nei propri frutteti, di antibiotici nelle proprie stalle. Quelle esperienze hanno raggiunto un numero tanto consistente da imporre un’analisi che verifichi quali contributi esse possano prestare, generalizzandone le pratiche, al superamento dei problemi creati dalla tecnologia agraria moderna.
Le motivazioni ideali che sospingono i tentativi di agricoltura alternativa compongono la gamma più varia: tra i protagonisti alcuni mirano all’esclusione dei prodotti della chimica, altri ne operano riduzioni di entità diversa, qualcuno si propone di preservare le peculiarità del suolo, qualcuno di ridurre gli sprechi energetici. Il comitato non si è interessato delle motivazioni, ha effettuato la verifica dell’efficacia produttiva delle scelte aziendali, ha mirato ad illustrare, nel rapporto, soluzioni tecniche che si siano rivelate funzionali, in ambienti geografici differenti, per colture diverse, in contesti aziendali peculiari. Operando il proprio inventario ha verificato che gli agricoltori che impiegano tecniche “alternative” rivelano spesso un’abilità superiore a quella media, e grazie a quell’abilità realizzano risparmi, e ottengono produzioni tali da ricavarne redditi eccellenti, la misura decisiva della funzionalità di una pratica agronomica, il metro che impone di considerare le aziende che la applicano aziende protese al futuro.
Da cento esperienze apparentemente disorganiche, la constatazione, quindi, che esiste la possibilità di congegnare pratiche agricole più aderenti agli equilibri naturali di quelle che esercita la maggioranza degli agricoltori americani, una constatazione che dimostra l’operare, nel tessuto agrario degli Stati Uniti, di stimoli vitali di rinnovamento, un rinnovamento verso quell’agricolturasostenibile” di cui auspicano l’avvento tanto gli uomini di scienza quanto i membri della collettività civile sensibili alle prospettive dei rapporti tra l’uomo e le risorse naturali.
Nessuna professione di fede, quindi, nessun manifesto sul futuro dell’agricoltura e del Pianeta: nello spirito di una profonda razionalità scientifica l’analisi di esperienze che possono considerarsi precorrimenti di un futuro che non potrà accettare, in nome dell’orrore per la chimica, la forma più moderna di superstizione, la rinuncia alla produzione delle quantità di derrate che pretende un consorzio umano che somma sei miliardi di membri, che dovrà adeguare i propri mezzi adottando metodologie che assicurino che le risorse del suolo, delle acque, delle specie animali e vegetali non siano sacrificate agli imperativi, pure pressanti, del presente, siano usate razionalmente affinché il loro impiego per appagare le esigenze di chi abita oggi il Pianeta non pregiudichi la loro capacità di soddisfare i bisogni di chi lo abiterà domani.

Agricoltura biologica: scienza o superstizione di Antonio Saltini
vedi anche:
prima parte
seconda parte
terza parte
Bibliografia
Altieri Miguel A., Agroecologia, Muzzio § c., Padova 1991
Aubert Claude, L’agriculture biologique. Pourquoi et comment la pratiquer, Le courrier du livre, Paris 1977
Carson Rachel, Primavera silenziosa, Feltrinelli, Milano 1963

Commoner Barry, Il cerchio da chiudere, Garzanti, Milano 1972
Costantini Enos, Agricoltura biologica: la “mia” storia, in “Cirignicule” 20 agns. Quattro lustri di Agricoltura Biologica in Friuli, “La Cirignicule”, cooperativa agricola a. r. l., Gemona del Friuli 1999
De Saint Hénis Antoine Ayrault, Guide pratique de culture biologique, Agriculture et vie, Angers 1972
Draghetti Alfonso, Principi di fisiologia dell’azienda agricola, Ist. Edit. Agricolo, Bologna 1948
Fukuoka Masanobu, La rivoluzione dello stelo di paglia. Un’introduzione all’agricoltura naturale, Quaderni d’Ontignano, 1980
Gardner Martin, Fads ad Fallacies in the Name of Science, Dover Publications, New York 1957
Garofalo Francesco, Lezioni di agricoltura biologica, Ancona 1981
Gilbert Henry, Agricultural Investigations at Rothamsted, England during a Period of Fifty Years, Government Printing Office, Washington 1895
Meadows Dennis et al, I limiti dello sviluppo, Mondadori, Milano 1972
Meadows Dennis L., Meadows Donella H. (a cura) Verso un equilibrio globale, Mondatori, Milano, 1973
National Research Council, Alternative Agriculture, National Academy Press, Washington 1989
Nicolini Luigi, Agricoltura e dibattito ecologico, La Nuova Italia, Firenze 1978
Pfeiffer Ehrenfried, La fécondité de la terre. Méthode pour conserver ou rétablir la fertilité du sol, Triades, Paris 1979
Pimentel David, Hall C.W. (editors), Food and natural resources, Academic Press, San Diego 1989
Saltini Antonio, Storia delle scienze agrarie', 4 voll., Edagricole, Bologna 1984-89
Saltini Antonio, L’orto dell’Eden. Maghi, veggenti e scienziati della agricoltura “naturale”, Edagricole, Bologna 1988
Saltini Antonio, Le agricolture “biologiche”, avanguardia o devianza del progresso agronomico? estr. da Rivista di storia dell’agricoltura, n° 2, 1995
Steiner Rudolf, Geisteswissenschaftliche Grundlagen zum Gedeihen der Landwirtschaft, Dornach 1963
Thaer Albrecht, Grundsätze der rationellen Landwirtschaft, 4 Banden, Realschulbuchhandlung, Berlin 1809-1812

Antonio Saltini Docente di Storia dell'agricoltura all'Università di Milano, giornalista, storico delle scienze agrarie. Ha diretto la rivista mensile di agricoltura Genio Rurale ed è stato vicedirettore del settimanale, sempre di argomento agricolo, Terra e vita. E' autore della Storia delle Scienze Agrarie opera in 7 volumi.  www.itempidellaterra.com (qui).









Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...