Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

domenica 31 agosto 2014

L’indagine storica e scientifica per la comprensione del futuro

di Antonio Saltini


Aruspici e indovini all’alba della civiltà

 
L’uomo ha sempre scrutato, ansiosamente, attorno a sé, eventi naturali e vicende civili ricercando gli indizi che gli consentissero di prevedere quali amici o nemici, quali prede o avversità avrebbe incontrato domani.


 Offrono la prova più antica di un’autentica dottrina per comprendere i segni premonitori del futuro le immense collezioni di ossa piatte reperite negli insediamenti del più antico Neolitico cinese, la cultura di Yang Shao, fiorita tra il Shansi e lo Shensi, portanti incisioni la cui lettura, per quanto non agevole, ne attesterebbe la natura di vaticini.
I dotti cinesi hanno sempre proclamato la continuità della civiltà del Celeste impero dal primo villaggio neolitico all’ultimo titolare di un potere imperiale dissolto. I grafiti su una scapola corrisponderebbero già alle regole della futura scrittura cinese. Non disponendo delle conoscenze per confermare, né per confutare il convincimento mi arresto all’annotazione che siamo cinquemila anni avanti Cristo.
Offre una messe di prove della medesima ricerca degli indizi da cui desumere quanto avverrà la storia dell’Occidente: quattromila anni dopo le scapole incise di Yang Shao la guerra di Troia ha inizio col vaticinio dell’indovino che condanna a morte la figlia innocente di Agamennone. Varcato l’Adriatico constatiamo che tra gli elementi di civiltà di cui Roma si appropria soggiogando gli Etruschi i conquistatori dimostrano un apprezzamento particolare per l’arte degli aruspici, maestri a leggere il futuro nei contorcimenti delle viscere di un animale sacrificato e nel volo degli uccelli. Se, installato l’augure nella propria specola, compare, nel cielo, un’aquila che ghermisce una gru, che si libera dagli artigli e fugge, il popolo intero trema, attendendo attonito che il vate spieghi il significato del portento.
Il testo che ci fornisce le conoscenze più dettagliate sul rilievo civile della “scienza” del futuro nei popoli antichi è la Bibbia. Metà della grande raccolta è costituita da libri profetici, ma esula dall’oggetto di questa conversazione commentare gli annunci dell’avvento di Cristo. Usando il testo come semplice fonte storica possiamo fissare l’attenzione sulle vicende di due giovani ebrei, che, in possesso di doti divinatorie, misurano la propria scienza con le esigenze di due dei maggiori sovrani del tempo, il Faraone e il signore di Babilonia, Nabucodonosor. Il primo episodio ci riferisce l’ansiosa ricerca del sovrano di un vate in grado di interpretare due sogni inquietanti: quello delle spighe ricolme divorate dalle spighe riarse, quello delle vacche grasse sbranate dalle macilente. Reperito in Giuseppe il veggente in grado di rivelare il mistero, consegnandogli il proprio anello il Faraone dimostra quale potere fosse assegnato ad un vate verace.

Il secondo episodio ci fornisce dettagli di precipuo interesse: il sovrano di Babilonia ha, in sogno, una visione orrenda, si ridesta, atterrito, senza ricordare quanto ha sognato, che pretende sia un mago a rivelargli. Convoca quindi, maghi, arioli, pitonesse, indovini, riferisce il testo testimoniando che gli interpreti del futuro erano divisi, nella società babilonese, in una pluralità di “scuole” o professioni, ciascuna delle quali si serviva di strumenti peculiari per assolvere alle finalità che le accomuna. Non è meno significativo rilevare che quando la composita schiera di “maestri” si dimostra incapace di assolvere al mandato viene, globalmente, condannata a morte, e che è Daniele, erede genuino di Giuseppe, a salvare magi e pitonesse dichiarandosi in grado di appagare il desiderio del sovrano.
Non è meno significativo dei rilievi che suggeriscono le storie dei due veggenti quanto propongono i versi con cui Salomone, l’erede di entrambi, riferisce del dono della profezia che gli è stato concesso dall’Onnipotente:


Ipse enim dedit mihi horum, quae sunt, scientiam veram,
ut sciam dispositionem orbis terrarum et virtutes elementorum,
initium et consummationem et medietatem temporum,
vicissitudinum permutationes et commutationes temporum,
anni cursus et stellarum dispositiones,
naturas animalium et iras bestiarum,vim spirituum et cogitationes
hominum,differentias virgultorum et virtutes radicum.”



Il veggente e l’altare


La storia antica è pervasa, quindi, dal desiderio di conoscere il futuro, un compito affidato a classi di vati che usano strumenti peculiari di comunicazione con la realtà ultrasensibile cui chiedono di sapere l’evoluzione delle vicende umane. Le pratiche diverse presuppongono, in ogni caso, un interlocutore al di là della realtà sensibile, una potenza ultraterrena che può essere immaginata malvagia, come molti dei demoni interpellati da aruspici e maghi, o benevola, come l’Onnipotente che Salomone ringrazia del dono ricevuto.
Non costituisce compito di chi tratteggia questo schizzo argomentare se e come sia possibile che l’uomo comunichi con le potenze del Cielo o degli Inferi. Credo peraltro gli competa rilevare la fondatezza dimostrata da più di un vaticinio famoso, quale quello della Pizia di Delfo che, riferisce Erodoto, assicurò gli Atenesi che avrebbero avuto ragione dello straripante esercito persiano riparandosi dietro le proprie “mura di legno”, o la serie senza fine di santi monaci e monache che, incontrando un cardinale gli predis- sero la tiara, che al conclave successivo il prelato avrebbe realmente posto sul capo.
Ricordata la millenaria ricerca di contatto con l’ultraterreno si può rilevare che tra il Quattrocento ed il Settecento si impone su ogni procedura diversa per la comprensione del futuro l’astrologia, pratica di antica origine persiana, ampiamente praticata a Roma, dal Cinquecento considerara autentica scienza, e come tale onorata dai dotti che esperiscono il tentativo di comporre le prime intuizioni della scienza moderna con i canoni della magia antica, figure che dominano tanto il Cinquecento quanto il secolo successivo: ricordiamo Telesio, Bruno, Campanella. E Galilei, conteso autore di oroscopi.
Sulla confutazione delle fondamenta scientifiche dell’astrologia non si può non ricordare la magistrale dimostrazione di Sant’Agostino, ricalcata, nel Quattrocento, da Pico della Mirandola, confermata, sul piano astrofisico, da Antonino Zichichi. Nè Agostino, né Pico né Zichichi hanno prosciugato, peraltro, il fiume di proventi che si riversa nella borsa di astrologhi di fama maggiore e minore, un fiume che scorre beneficando, altrettanto generoso, cartomanti, chiromanti, medium e cultori di magia nera, un coacervo di categorie di cui nessuna crisi economica minaccia le fortune, le cui prestazioni non sono soggette a ricevuta fiscale, né possono essere detratte dalle tasse da chi alla chiromante chieda di restituirgli, quando crolla la borsa, la fortuna in affari.



Tra scienza e speculazione filosofica: Littré e Pasteur



Se il prestigio dell’astrologia quale vera scienza conosce il proprio apice tra Cinquecento e Seicento, la filosofia moderna genera una nuova dottrina per la previsione “scientifica” del futuro nei decenni di più appassionante dilatazione delle conoscenze fisiche, chimiche e biologiche, i decenni a metà dell’Ottocento. Sedotto dall’assoluta certezza conquistata dall’esperimento scientifico, che ripetuto cento volte deve produrre il medesimo risultato, considerando l’ineluttabilità dell’errore umano, in novantotto prove, Auguste Comte proclama che l’uomo sarebbe, come tutti gli esseri naturali, soggetto a leggi inviolabili che ne determinerebbero il comportamento sociale e le scelte morali: le sue opzioni sarebbero prevedibili, quindi, come quelle del lupo di fronte all’agnello o della zebra alla vista del leone lontano. Traduce la dottrina di Comte nel primo sommario della storia umana affrontata come espressione di inderogabili norme di comportamento sociale Emile Littré, il più dotto erudito della Francia dell’età di Balzac e Hugo.
La Francia di Balzac è anche la Francia di Pasteur, riconosciuto dall’intero mondo civile quale fondatore di due scienze nuove, la microbiologia e la biochimica, e come tale oggetto di considerazione universale. La Francia deve accogliere il figlio illustre nel proprio Parnaso, l’Académie de France, ma sul suo ingresso l’Académie è in conflitto con la propria anima, l’anima della maggioranza che si riconosce nel materialismo di Comte. Consapevole che a Pasteur sia dovuto un ingresso trionfale, non vuole concedere il trionfo a uno studioso che nell’Istitut di cui è fondatore ha preteso la costruzione di una cappella dove ritirarsi, tra una conferenza e la redazione della memoria sull’ultima scoperta, davanti al Crocefisso. La tradizione del consesso stabilisce che i seggi, il cui numero è fisso, vengano rioccupati alla morte di chi vi fosse seduto, e che competa al nuovo occupante pronunciare l’elogio del predecessore. Contando sulla regola, la presidenza attende la morte di Littré e assegna al grande scienziato il seggio dell’erudito, convinta di imporre al fervente cattolico di pronunciare il panegirico del teorico della storia umana concepita come successione di reazioni chimiche.
Il calcolo rivela, peraltro, la propria ingenuità: fisico e biologo, Pasteur sa guardare alle vicende umane dall’altezza dei giganti: accettando la sfida sceglie un argomento che sa sconvolgerà l’anima dell’uditorio, costringerà la Francia ad una difficile riflessione sui propri convincimenti. Si è conclusa, da pochi mesi, la guerra franco-prussiana che ha umiliato le ambizioni nazionali di supremazia culturale, economica, scientifica. Il cuore di tutti i francesi è stato ferito dagli obici che i cannoni tedeschi hanno diretto alla periferia della Ville Lumière. Pasteur elogia la vastità degli studi di Littré, l’originalità delle sue indagini, ma ricorda che, da storico facendosi augure, Littré ha supposto che la situazione politica della metà del secolo assicurasse la continuità, nei decenni successivi, del progresso economico e civile in una lunga stagione di pace. L’orrore di Sedan ha dimostrato che la previsione “scientifica” era mera illusione. Le scienze fisiche e biologiche sono espressione di una conoscenza essenzialmente diversa dalle scienze umane. Gli uomini sono entità libere, non si comportano come i reagenti di laboratorio, pretendere di estrapolare la certezza delle discipline fisiche alla sfera storica o a quella sociale è prova di sicumera.
Pronunciata dal più autorevole degli scienziati viventi, l’allocuzione investe l’uditorio di storici, letterati e giuristi come i colpi di un maglio su un castello di latta: chi ha immaginato di costringere la scienza sperimentale a inchinarsi alle certezze degli studi storicistici vede le certezze dell’indagine filologica, sociologica ed economica ridimensionate a ipotesi e opinioni, che possono essere più o meno solidamente fondate, che restano elementi di una sfera diversa da quella della conoscenza sperimentale.
Ricordata la demolizione, da parte del più insigne alfiere delle scienze della natura dell’Ottocento, delle illusioni di impiego delle conoscenze storiche per la previsione del futuro, si può sottolineare la coincidenza dei caposaldi concettuali del materialismo di Comte con quello di Marx, una coincidenza che consente di estendere al secondo i rilievi proposti per il primo. Chi abbia vissuto, insieme al relatore, gli anni Cinquanta, ricorda l’insistenza con cui la pubblicistica marxista proclamava il convincimento che nell’Unione Sovietica fosse in corso la costruzione di una società fondata su oggettivi presupposti scientifici. Il disegno della società “scientifica” in costruzione nei paesi socialisti godette dei certificati di autenticità suggellati da pensatori illustri fino agli anni precedenti il tracollo sovietico. Chi ricordi il crollo del regime moscovita ricorda come la disgregazione imponesse l’impressione che si dissolvesse una delle costruzioni politiche più precarie tra quante ne avesse registrate la storia, un colosso assimilabile a Roma agonizzante o all’Impero ottomano negli ultimi decenni dell’interminabile crepuscolo.



Popolazione, risorse naturali, tecnologia


Lasciata Parigi e superando, nel nostro itinerario, un altro secolo, individuiamo un’esperienza di precipuo rilievo sull’impiego delle conoscenze, in questo caso scientifiche, per prevedere eventi futuri, nell’indagine che il Club di Roma (qui) affida al Massachusetts Institute of Technology pubblicandone i risultati nei rapporti diffusi, rispettivamente, nel 1972 e nel 1973. Oggetto dell’indagine due fenomeni contrapposti, il consumo delle risorse essenziali, minerarie, energetiche, agricole, la produzione di rifiuti, da parte di un’umanità in crescita inarrestabile, che, se da un lato procede verso l’esaurimento degli elementi essenziali alla propria sussistenza, dall’altro ricolma l’ambiente di reflui che renderanno la Terra sempre più ostile alla vita, tanto quella vegetale quanto quella animale, quella, insieme, delle società umane. Sul terreno metodologico l’indagine propone una significativa novità nella sfera delle conoscenze umane potendo il Mit impiegare, nell’esecuzione, i nuovi calcolatori, capaci di governare centinaia di equazioni con altrettante variabili, mediante le quali stimare ogni possibile interazione tra le due classi di variabili considerate.
Lo sviluppo dell’indagine è oltremodo complesso: se ne possono enucleare i risultati nel rilievo, proposto dagli estensori dei rapporti, che il consumo delle risorse primarie avrebbe assunto, negli anni Sessanta, il carattere dei processi esponenziali, e nella previsione che, sviluppandosi esponenzialmente, gli stessi consumi avrebbero condotto ai primi segni di esaurimento di risorse essenziali nei lustri successivi al Duemila. Dato l’andamento esponenziale dei processi indagati, il rapporto sottolinea che ripetendo l’insieme dei calcoli sulla base della supposizione di disponibilità di risorse doppie di quella note, l’umanita si sarebbe scontrata con la penuria delle risorse pochi lustri dopo la data calcolata sulla base delle disponibilità conosciute.
Commentare i due rapporti dopo quaranta anni, oltre la soglia prevista, quindi, per i primi segni di esaurimento delle risorse terrestri, non è compito agevole. Non potendo mancare, assunto l’impegno, di proporre una valutazione, reputo che la crisi mondiale di cui siamo spettatori dal 2007, una crisi innescata, sappiamo, da fenomeni finanziari, imponga di riconoscere, nei propri sviluppi, connotati peculiari di una crisi da scarsità di risorse. Credo si possa affermare, infatti, che il petrolio, il cui mercato si era comportato, fino al 2007, come il mercato di un bene di disponibilità praticamente illimitata, abbia assunto i caratteri del mercato di un bene finito, i cui detentori misurano la durata futura delle disponibilità considerandole destinate ad esaurirsi e decidendo i prezzi nella consapevolezza che riducendo il prelievo oggi lo si prolungherà domani, quando i prezzi saranno aumentati proporzionalmente.
Credo che i connotati della crisi mondiale quale crisi di disponibilità di risorse finite sia identificabile in un fenomeno che nessun economista aveva immaginato: la sostanziale fungibilità dell’energia e degli alimenti. Gli economisti non conoscono la storia, ignorano che per millenni i contadini dell’Europa e dell’Asia hanno rinunciato ad un terzo della produzione delle terre arabili perchè su quel terzo doveva essere prodotta avena, il carburante per le macchine da guerra del tempo, i cavalli. Quando il cavallo fu sostituito dal carro armato, che consumava benzina, l’agricoltura europea “liberò” dalle colture di “carburante” milioni di ettari, una circostanza determinante nel contenimento del prezzo degli alimenti che ha costituito connotato essenziale della civiltà industriale del Ventesimo secolo.
Nessun economista avrebbe potuto prevedere, perciò, il fenomeno simmetrico, che si è imposto, inesorabilmente, quando il dollaro americano, svalutato da quarant’anni di imprese militari pagate emettendo bonds con l’effige di George Washington, ha perduto l’antico potere di scambio con l’oro giallo e quello nero. Contro i 35 dollari per oncia concordati dalle banche centrali fino al 1968, all’inizio della presidenza di George Bush jr. (2000) l’oncia d’oro costava 200 dollari, alla fine del mandato 540, Il petrolio era volato da 50 dollari alla punta di 147. Il  mais che gli Stati Uniti vendevano, al termine della guerra, a 30 centesimi il bushel, ne valeva, dopo cinquant’anni, 60, in termini reali un prezzo inferiore. Il dollaro aveva perduto il valore antico, e non lo poteva riacquistare, il mais aveva conservato il prezzo antico, ma lo poteva mutare, siccome gli Stati Uniti, primo esportatore mondiale, erano in grado di ridurre le quantità esportate facendo salire il prezzo fino al livello che giudicassero più conveniente. Se il dollaro non era più in grado di acquistare petrolio in termini convenienti, l’entità delle rese del mais nel Corn Belt era tale da renderne conveniente, a quei prezzi, la conversione in etanolo, la conversione del cibo, cioé, in energia. Se pure il Massachusetts Institue of Technology non avesse previsto che la carenza di energia si sarebbe convertita in carenza di cibo, la naturale fungibilità tra le due classi di risorse ha operato perchè la crisi della prima delle risorse terrestri che ha mostrato il comportamento del bene finito si traducesse in penuria di cibo. La previsione che le risorse terrestri avrebbero mostrato dopo il Duemila i primi segni di carenza, l’assunto del rapporto, pare essersi avverata per l’operare di una variabile che il rapporto non prevedeva, implicita, peraltro, e operante in perfetta coerenza alle leggi del Sistema-Terra descritto dall’insieme delle equazioni definite dagli specialisti del Mit.



Una vicenda personale



Tra la pubblicazione del primo e quella del secondo rapporto del Club di Roma l’autore di questa lectio si laureava in Scienze agrarie e trovava il primo lavoro nella redazione di un antico, seppure non più scintillante, settimanale agricolo. Nel ’73 gli acquisti operati dall’Unione Sovietica per assicurare la tranquillità sociale sconvolgevano il mercato dei cereali: tra i primi incarichi assegnati al neoredattore c’era la cronaca del saccheggio di tre forni, a Napoli, da parte della folla in rivolta per il timore della carestia. Chi si era laureato leggendo con curiosità i rapporti del Mit, tanto lontani dall’insegnamento del professore di economia agraria, si procurava tutta la pubblicistica sulla crisi, i suoi precedenti, le conseguenze prevedibili. Tra le conseguenze della crisi a Washington un Olimpo di istituzioni statunitensi e internazionali creava un organismo per lo studio delle relazioni tra la popolazione del Pianeta e le risorse a sua disposizione, il Worldwatch Institute, che nell’ottobre del 1975 pubblicava, come proprio manifesto, un volumetto di 44 pagine del titolo The Politics and Responsability of the North American Breadbasket. Firmava il testo Lester R. Brown, presidente dell’Istituto.
La crisi dei mercati internazionali provocata dagli acquisti sovietici sarebbe stata presto dimenticata, i mercati sarebbero stati ingombrati, per tre decenni, dai surplus degli Stati Uniti e da quelli della Comunità Europea, impegnati ad attribuirsi la responsabilità della sorvabbondanza planetaria. Mentre i responsabili politici delle sponde opposte dell’Atlantico si scambiavano accuse sull’affondamento dei mercati cerealicoli, il professor Brown avrebbe continuato a produrre dati sulla penuria prossima ventura, una penuria inevitabile, dimostravano le sue analisi, perché gli incrementi che registravano, ancora, le produzioni, sfruttavano le ultime risorse di suoli, di acque, di minerali fosforici e, soprattutto, il potenziale residuo di piante che, coltivate senza manipolazioni dalla Rivoluzione neolitica all’alba del Novecento, dalla seconda data erano state ricombinate fino a ottenerne la produzione massima che fossero, naturalmente, in grado di fornire. Ma le potenzialità genetiche avevano, secondo Brown, un limite, e a quel limite le creature delle società sementiere si stavano avvicinando inesorabilmente.
Nel 1980 l’autore du questa memoria era invitato, ufficialmente, a visitare l’agricoltura americana, a Washington trascorreva un’ora nella sede del Worldwatch Institute. Ridendo, un funzionario del Department of Agriculture gli chiedeva cosa avesse appreso nell’appendice ufficiosa della Cia. Saputo che il professor Brown era il grande alchimista che combinava i dati dei satelliti, i rapporti degli addetti agricoli delle ambasciate Usa, il migliore corpo di agronomi operante sul planisfero, per distillare la strategia con cui il Dipartimento di Stato avrebbe impiegato la fame come strumento di egemonia planetaria, chi legge avrebbe accentuato, da allora, l’attenzione per gli scritti di Brown e dei collaboratori. Le mie letture si sarebbero tradotte in una serie di studi sui problemi della produzione planetaria di alimenti che, pubblicati su qualche foglio agricolo, tutti i lettori avrebbero abbandonato alla terza riga siccome erano smentiti da quanto proclamavano, in coro, economisti, uomini politici, leader dell’informazione, certi che la tecnologia agricola avesse conseguito, coniugandosi alla chimica e alla genetica, capacità illimitate, che l’unico problema della politica agraria consistesse nel contenere le produzioni, che il proposito di moltiplicarle costituisse espressione di attitudini ipocondriache che imponevano le cure dello psicologo.
Le stesse letture avrebbero preso corpo anche in un romanzo di fantapolitica che prevedeva come fato inevitabile, nel 2057, lo scontro atomico tra Stati Uniti e Cina per il controllo delle ultime risorse agrarie. Il romanzo, stampato nel 1996, non ha mai avuto lettori. L’autore è stato perseguitato, peraltro, per dieci anni, dalla domanda pietosa: “Perché scrivi cose tanto lontane dalla realtà da non interessare, palesemente, nessuno?”, che si è convertita, da tre anni, nella domanda opposta ”Come hai fatto a immaginare, nel 1996, che il Mondo era diretto alla penuria, quando il solo problema erano i surplus?”

Cito le domande opposte perché forniscono la misura delle conoscenze e della percettività internazionale della classe politica nazionale e del ceto che le è più intimamente legato, quello giornalistico. Se il più modesto dei cronisti agricoli era in grado di conoscere quali fossero le fonti del professor Brown e chi fossero i destinatati dei suoi rapporti, i successivi ministri dell’agricoltura, e la folla di direttori di giornali che hanno ispirato, negli ultimi decenni, la propria visione dell’agricoltura agli aforismi di un gastronomo, che meritava gli applausi dei cultori di specialità salumiere e di vini d’annata, ma ignorava l’entità della produzione cerealicola americana e cinese, uomini politici e giornalisti italiani hanno dato prova di una conoscenza degli equilibri alimentari planetari che non può non allarmare chi si preoccupi della sicurezza futura del pane quotidiano.
   


Adam Smith smentisce Columella


Ho raccontato del futuro convertitosi in presente nel nuovo Millennio assumendo quale oggetto di osservazione i cereali, l’elemento chiave per la sazietà o la fame degli abitanti del Pianeta. La circostanza odierna ci riunisce, però, a festeggiare la stampa di un volume sulla vite, sarà la vite, quindi, il tema che concluderà questa lettura. Per riflettere sul tema della previsione del futuro per la vite ed il suo nettare è obbligo inderogabile ricordare, come caposaldo di ogni argomentazione, le pagine sulla viticoltura del fondatore della scienza economica, Adam Smith, che dopo avere formulato la legge secondo la quale la rendita di tutte le terre coltivate è determinata dal rendimento della coltura che produce il cibo più comune, rileva che i grandi agronomi hanno sempre vantato i redditi delle colture specializzate, al primo posto la vite. Primo, per prestigio, Columella avrebbe affermato che coltivata con tecniche adeguate la vite avrebbe assicurato redditi impossibili tanto ai cereali quanto ai prodotti dell’allevamento. La prerogativa della vite di assicurare redditi più elevati delle colture concorrenti costituirebbe un’illusione, dichiara Smith, siccome i maggiori guadagni del vigneto producono, sistematicamente l’ampliamento delle superfici vitate, che, inevitabilmente, arrivano a produrre più vino di quanto il mercato possa assorbire, condannando i proprietari ad accettare redditi inferiori a quelli dei cereali o a espinatare le vigne. Solo ad una condizione il vigneto può conservare, ribadisce, la propria superiorità di ricavi, quando la legge impedisca ai vigneti di espandersi oltre limiti fissati d’autorià, una misura che fu assunta da Domiziano, vietando ogni nuovo vigneto nell’Orbe romano, nel 92, che è stata ripetuta, in Francia, con un’ordinanza reale, nel 1731.
Non credo che il commento alla pagina del capolavoro dell’economia di tutti i tempi imponga argomentazioni defatiganti: la viticoltura sta vivendo, entro i confini dell’Unione europea, una stagione felice, ma tutti sappiamo l’entità dei contributi per l’espianto che la situazione felice ha imposto. Non conosco i segreti del mercato internazionale del vino, ma reputo sia palese che l’equilibrio ottenuto, espiantando centinana di migliaia di ettari, dall’Unione europea, abbia favorito, con il generale, parallelo innalzameno della qualità, un’offerta che si è proposta sui mercati internazionali con grande capacità di attrazione. Ma il planisfero è vasto, in paesi dove la vite non era stata mai coltivata sono stati piantati migliaia di ettari, che producono vini eccellenti e che possono divenire decine, o centinaia di migliaia. Gli spostamenti del baricentro della produzione di vini di successo nel Mediterraneo antico possono suggerire un’idea delle possibilità degli spostamenti sul planisfero del Terzo millennio. In questi termini la storia, e concludo l’itinerario logico di questa lettura, può essere magistra vitae: non perchè sia solita ripetersi, ma perchè ci invita a osservare, con un’attenzione che non può mai assopirsi, l’orizzonte del tempo per cogliere il primo segno del fenomeno nuovo che sovvertirà l’assetto che ci è consueto, e che siamo propensi a reputare permanente. Sia in termini politici quanto in termini economici chi del prendere corpo di equilibri nuovi intuisca i segni premonitori in quegli equilibri potrà protrarre libertà e prosperità, chi degli assetti prossimi non percepisca l’avvento non è improbabile debba piegarsi, domani, al ruolo amaro del soccombente.

1 commento:

  1. Interessante il dossier di Focus che nell'ultimo numero fa il punto su una futura missione su Marte: sapevate che Marte ha un terzo della gravità terrestre, che la temperatura media è di circa –60 °C e che le radiazioni assorbite durante il viaggio corrispondono a una Tac ogni 6 giorni?

    RispondiElimina